Piossasco
Il monte San Giorgio

 

Monte San Giorgio Chiesa millenaria e monumento ai Caduti Alpini

Monte San Giorgio m. 857

La grande croce benedetta e inaugurata il 1° maggio 1959
Pattio Lino-Martinasso Giuseppe sorregge la Madonna

Alla fine degli anni cinquanta un gruppo di Alpini e di volontari (di Piossasco) decidono di erigere sul Monte San Giorgio una Croce, per ricordare il sacrificio dei soldati caduti per la Patria nella guerra finita da alcuni anni.
Per arrivare a San Giorgio non c’era la strada che c’è ora, ma solo sentieri molto ripidi. La strada arrivava fino al rivas dü ri, dove dei volontari portavano i sacchi di cemento, i boioli, i secchi da muratore e tutto l’occorrente, compresa l’acqua dentro dei bidoni.
Il sabato e la domenica a turno i volontari caricavano a spalle, chi il sacco di 25 Kg di cemento, chi i bidoni di acqua, chi le pietre … e tutti su per i sentieri arrivavano al colle San Giorgio.
Tutto a forza di braccia e gambe, piano piano, si formava un monumento di cemento e pietre incastonate, una croce che sovrasta Piossasco e poi, ai piedi del grande mosaico, una splendida Madonna della Neve, patrona degli Alpini, fatta tutta a mano, un’opera unica, dono dell’Architetto Federico Giughese.
Ultimata la croce, gli Alpini fecero una gran festa, non ricordo in quale data, ma io ero lassù con mio padre e tutta la mia famiglia.
Da quel giorno per tanti anni il giorno della festa di Piossasco, 15-16 luglio la Madonna del Carmine, mio padre Mario Pereno, mio zio Enrico, poi negli anni successivi i miei fratelli Gilberto e Giancarlo salivano il sabato della processione, portavano legna e accendevano un grande falò, proprio nel momento in cui usciva la statua della Madonna dalla chiesetta del Carmine e la si portava in grande cerimonia con la banda e tutti i piossaschesi nella parrocchia di San Francesco.
Quel falò della famiglia Pereno mi è rimasto nel cuore e arde ancora.
Per tanti anni si è acceso quel grande falò, fin quando morì mio padre. Più nessuno ha proseguito questo rito. Però gli alpini salgono regolarmente a far festa il 1° maggio di ogni anno.
Non c’è più un falò, ma la sera del 30 aprile da tanti anni viene accesa una grande luce con il generatore.

Testo Anna Pereno

Occhiena Domenico-Audrito Francesco-Mario Pereno-Mario Giorda-Giovanni Giorda-Francesco Chiantore

 

 

 

gitanti al San Giorgio

 

Sanganesi in gita

 

 

Sanganesi in gita anni sessanta

1 maggio 1980

Da sx Michele Martinatto (Miclin), Giovanni Pereno (Perenot), Enrico Martinatto e Natale Dovis 1-5-1980

Da sx Michele Martinatto (Miclin), Giovanni Pereno (Perenot) e Natale Dovis 1-5-1980

 

Cento volontari salvano la chiesa di San Giorgio

E' stata terminata nei giorni scorsi la prima parte dei restauri della Chiesa Romanica di San Giorgio, in vetta al monte che domina Piossasco. in una zona suggestiva, meta estiva delle scampagnate domenicali di molti torinesi.
L'edificio, che si trovava in stato di assoluto abbandono, risale all'anno 1000. al suo interno, notevoli affreschi di artisti del '400.
Per salvarlo. l'Amministrazione Comunale ha promosso nei mesi scorsi varie iniziative, stanziando sette milioni per i primi lavori di sistemazione e coinvolgendo tutte le associazioni ed i gruppi spontanei per il reclutamento di volontari disposti a portar via detriti, costruire recinzioni e puntellare travi cadenti.
La risposta della popolazione — e stata pronta: un centinaio di persone (tra cui molti artigiani edili) si sono radunate ogni sabato e spesso anche la domenica a lavorare in allegria e visti i risultati, anche con notevole profitto.
La Chiesa Romanica é situata in una località a 857 metri d'altezza ed è difficilmente raggiungibile. Parte dei lavori, quindi, è stata rivolta alla sistemazione della sede stradale, ed ha richiesto la collaborazione — anch'essa volontaria — del corpo di Polizia Rurale.
Ora scatterà la seconda fase, quella del vero e proprio restauro, con l'Intervento della Soprintendenza ai Beni Ambientali ed Architettonici del Piemonte.
Dato il valore degli affreschi che la Soprintendenza vuole restaurare (ricoperti fra l'altro da parecchi strati di vernice), verrà chiesto anche un contributo allo Stato.
Alla Chiesa è pure annesso un Monastero, che probabilmente un tempo ospitava monaci benedettini. e del quale si vedono ancora ruderi e fondamenta, il Monastero non è citato nei documenti ufficiali e non si sa a quale epoca possa risalire.
quella del vero e proprio restauro, con l'Intervento della Soprintendenza ai Beni Ambientali ed Architettonici del Piemonte.
Dato il valore degli affreschi che la Soprintendenza vuole restaurare (ricoperti fra l'altro da parecchi strati di vernice, verrà chiesto anche un contributo allo Stato.
Alla Chiesa è pure annesso un Monastero, che probabilmente un tempo ospitava monaci benedettini, e del quale si vedono ancora ruderi e fondamenta, il Monastero non è citato nei documenti ufficiali e non si sa a quale epoca possa risalire.
A studiare questi monumenti, con scavi e rilevazioni, verranno a primavera studenti della facoltà di storia medioevale, che stanno preparando una tesi sugli insediamenti abitativi del Medioevo

Dall’archivio storico Stampa Sera 16 gennaio 1979

Chiesa di San Giorgio: millenaria costruzione che sta ritornando in vita grazie al Gruppo Alpini di Piossasco

Dal libro:
Vita e tradizioni di Piossasco
Luciano Suppo
G. Alzani & C s.a.s., 1980

 

Associazione Nazionale
Alpini
Gruppo di Piossasco
1 maggio 1959
alle penne mozze piossaschesi

 

Ave Maria

 

Pag 1 - 2 - 3 - 4

 

Maria Teresa Pasquero Andruetto