Trana

e le sue Borgate

Stato de cotizzi dell'anno 1784

Nelli Cantoni Bealese, Pianca, S. Giovanni, e Pravigero "negozianti in carbone"
Bertinetto Gaspare fu Domenico
Cugno Flis Michele fu Domenico
Cugno Flis Michele fu Antonio
Paviolo Michele e Gio Batta fu Domenico
Rosa Sebastiano fu Giovanni
Rufinat Francesco fu Giacomo
Rufinat Giorgio fu Gio Anto
Rufinat Carlo fu Giacomo

Cotizzo:
imposta personale tipica del territorio piemontese e lombardo fino al XVIII secolo che si pagava a seconda del mestiere praticato ("cotizzo delle professioni e delle arti"); in alcuni luoghi (a Trana) veniva pagato un cotizzo anche sul bestiame

Case Fuggeria
Cascina Usseglio
Case del Montagnino Moranda
Ruata Bialese
Ruate Udritto

Case Fuggeria

 

Particolare mappa antica anno 1783
ROSSO= strade

Archivio di Stato - Particolare mappa antica anno 1783

Ruffino Matteo fu Pietro
2827 casa con corte – 2828 castagneto – 2829 castagneto prativo – 2830 castagneto prativo – 2831 castagneto e casa con corte – 2832 sito di benale – 2835 bosco – 2836 castagneto – 2838 bosco – 2841 castagneto
AZZURRO= la Fuggeria una sola casa sotto alla strada
ROSSO= strada del Colletto da Pratovigero alle Prese di Sangano

 

Mappa Napoleonica 1812
GIALLO= casa e corte Ruffino Giacomo
AZZURRO= casa e corte Ruffino Vito fu Matteo
BIANCO= casa e corte Tarquino Michele
VERDE= prati - ROSSO= castagneto - GRIGIO= bosco ceduo

 

Particolare mappa Rabbini 1867
BIANCO= forno comune
AZZURRO= Ruffino Giovanni fu Tommaso - GIALLO= Ruffino Domenico fu Vito
VERDE= Ruffino Pietro fu Vittorio - ROSA= Ruffino Matteo fu Vittorio

 

Mappa aggiornata al 1931
AZZURRO= 3 nuclei di caseggiati - NERO= forno comune - GRIGIO= bosco ceduo
VERDE= prati e prati arborati - ROSSO= castagneti - GIALLO= campi

 

 

La Fuggeria vista dal Bricco della Croce

La Fuggeria vista dal Bricco della Croce

Una carbonaia con la terra nerissima

Una carbonaia con la terra nerissima

 

Casina Usseglio

 

mappa antica di Trana anno 1780

Particolare della mappa antica anno 1783 - Casina Usseglio

Usseglio Sig. Canonico D. Francesco Antonio fu Sig. Gio Giacomo
1792 bosco – 1793 alteno – 1794 campo – 1794 1/2, campo – 1794 1/3, gerbido - 1795 orto – 1796 Casiamenti con Cappella e corte – 1797 campo – 1805 prato – 1807 campo – 1808 campo - 1830 prato

Archivio Storico Comune Trana

Casina Usseglio

Mappa antica anno 1783

Ferme Usseglio anno 1804

Mappa Napoleonica anno 1813 - Ferme Usseglio

Usseglio Giovanni fu Felice

Mappa Rabbini anno 1867 - Cascina Combaluetto
Bernardi - 899 campo stabile, 900 casa rurale, 901 Capella e adiacenze
Maritano - 914 casa rurale
Bertinetti - 920 casa rurale

Mappe dell'Archivio di Stato Torino

 

Cascina Usseglio è l'ultima borgata, prima di entrare nel territorio di Giaveno. Si presenta arroccata su un poggio morenico, alle spalle del grosso e ben noto "masso erratico" conosciuto come "lou roc grò", testimone, con altri massi analoghi disseminati in tutta la zona, dell'epoca della glaciazione, quando la Val Sangone, come abbiamo visto, era interamente ricoperta dai ghiacci. Anticamente la borgata era una cascina fortificata, completamente indipendente, con una grande aia ed un pozzo dal quale si attingeva l'acqua potabile.
Di notevole fattura è la cappella dedicata a S.Teresa d'Avila sulla quale spicca un piccolo campanile. Questa chiesa settecentesca, autentico gioiello artistico di piccole dimensioni, a pianta ellittica e dalla facciata in stile barocco, è stata affrescata dal pittore Francesco Gonin con motivi raffiguranti la Sacra Famiglia, con S. Anna posta al centro della volta ed i Santi Gerolamo, Rocco, Teresa e Giovanni Evangelista alloggiati negli spicchi che sostengono il cerchio centrale. Le figure sono alternate a motivi decorativi e fioriformi nel tipico stile della pittura del Gonin. Un bel quadro, con S. Teresa dipinta a mezza figura davanti ad un tavolo, completa le opere del valente pittore piemontese. Il complesso, considerata la sua notevole importanza artistica, è stato restaurato dal Comune di Trana sotto la guida della Soprintendenza dei Beni Artistici del Piemonte. Ogni anno, in ottobre, si svolge una festa organizzata dagli abitanti della borgata.

Dal libro:
Trana
Frammenti di storia e di vita
Stefano Barone – Ezio Capello
Lazzaretti Editore, 2008.

 

La Chiesetta dedicata a Santa Teresa d'Avila

 

 

 

L'antico pozzo

l'antico pozzo

 

Case del Montagnino Moranda

 

Regis Giovanni Luigi fu Francesco
3429 alteno – 3430 vergero – 3431 casiamenti e corte

Giai Levra Steffano fu Matteo
3424 alteno – 3425 castagnetto – 3426 orto, casamenti e corte – 3427 vergero e forno – 3428 campo

 

Giay Levra Gaspare fu Stefano
204 205 cortile - 207 casa - 208 giardino - 209 cortile – 219 222 230 terre lavorabili – 223 pastura – 229 235 prato – 256 bosco

Giay Levra Felice fu Stefano
206 casa – 210 cortile – 211 giardino – 212 forno – 214 221 236 terre lavorabili

Regis Giovanni fu Giovanni Battista
200 vigne – 201 prato – 202 casa e corte – 203 giardino 215 castagneto 216 terre lavorabili

Mappa Rabbini anno 1867 - azzurro la Bealera di Piossasco

Trana - Atto di nascita 21 ottobre 1870

L’anno mille ottocento settanta, e talli ventidue del mese di ottobre in Trana verso le ore dieci e mezza di mattina…
Avanti a me Colla Francesco Sindaco…
Giay Levra Gaspare del vivente Stefano, d’anni trentasette contadino, nato, e residente nel presente territorio di Trana, Borgata Moranda/Montagnino, il quale alla presenza dei signori…testimoni, mi ha presentato un bambino di sesso femminino che dichiara essergli nato alle ore sette pomeridiane del giorno di ieri ventuno dello spirante mese di ottobre mille ottocento settanta, dalla di lui moglie Giughese Margarita del fu Bernardo, nativa di Trana seco lui domiciliata, e nella casa di proprietà del Giay Levra Stefano genitore del consegnante, posta al presente territorio di Trana Borgata Moranda Montagnino/ sotto il numero tre, alla quale figlia dichiaro di darle i nomi di Orsola Teresa Rosa…

Sangano - Atto di morte 28 luglio 1873

L’anno mille ottocento settantatre addì ventinove del mese di luglio in Sangano ed alle ore sei pomeridiane nella casa Comunale dinnanzi a me Ramassotti Giovanbattista Sindaco…
Sono comparsi Rossi Giacinto d’anni sessantuno Chirurgo, e Cattero Giovanni d’anni quarantaquattro minusiere, testimoni e residenti in questo comune, i quali mi hanno dichiarato che addì ventotto del mese di luglio mille otto cento settanta tre ed alle ore sei pomeridiane, nella Bealera Superiore, vicino alla cassina del Sig. Micheletti Agostino, all’Aprà numero dodici, in questo Comune “SI È TROVATO CADAVERE” Giay Levra Orsola Teresa Rosa detta Maria d’anni due mesi nove, nata e residente a Trana figlia di Gaspare e Margarita Giughese coniugi Giay Levra contadini e residenti a Trana

 

Panorama

Il forno del Montagnino

L'antico forno

 

 

 

Ia Bealera di Piossasco

Ia Bealera di Piossasco

 

Ruata Bialese

 

Ruata Bialese

A sinistra il rivo denominato il Malrivo

Mappa antica 1783

Particolare della Ruata Bialese

Bertinetto Giuseppe e Giovanni fratelli fu Lorenzo
2672 casiamenti con corte e sito prativo
Bertinetto Lorenzo fu Antonio
2673 sito prativo con casiamenti e corte - 2681 prato con forno e orto
Bertinetto Giovanni, e Matteo fratelli fu Giuseppe
2674 casiamenti con orto - 2700 alteno con Benale
Bertinetto Carlo, Giuseppe e Tomaso fratelli fu Antonio
2676 casiamenti con corte - 2682 alteno con Benale
Bertinetto Gaspare fu Gio Domenico
2677 casiamenti con corte

Stato de cotizzi dell'anno 1780 - Bertinetto Gaspare fu Domenico, negoziante in carbone

 

particolare della mappa Napoleonica anno 1813

Archivio di Stato Torino

il forno n. 87

fornon. 87 Bertinetto Stefano e fratelli fu Antonio – 45, 49 casa e corte
Bertinetto Domenico fu Gaspare – 71 casa e corte, 87 forno
Bertinetto lorenzo fu Giuseppe – 41, 43 casa e corte
Bertinetto Lorenzo e Antonio fratelli fu Giovanni – 51 casa e corte
Bertinetto Michele fu Antonio – 46 casa e corte
Bertinetto Matteo fu Giuseppe – 59 casa e corte
Bertinetto Antonio fratelli indivisi – 61 casa e corte
Bertinetto Giuseppe fu Giovanni – 50 casa e corte

Mappa Rabbini anno 1867

Borgata Biellese

particolare

sotto la scritta Borgata Biellese a dx il pozzo segnato in mappa

L'antico pozzo

L'antico pozzo

profondità del pozzo 25 metri

Il pilone

un'antica abitazione

particolare interno

particolare interno

antichi attrezzi di campagna

 

muri a secco di campi abbandonati

muri a secco di campi abbandonati a bordo strada

feste al Biellese

Festa al Biellese 2009

ottobre 2009

anno 2012

13 giugno 2015

I labari di altre borgate presenti alla festa - giugno 2015

 

Ruate Udritto

 

Archivio di Stato mappa antica 1783

Ruate Udritto

Particolare delle Ruate del 1783

Ambrosio Giovanni Angelo – 278, 286 casa e corte
Bernardi Giacomo fu Antonio – 277, 282 casa e corte
Bernardi Luigi fu Francesco – 283 casa e corte
Bernardi Maddalena fu Claudio – 265 casa
Bernardi Giovanni fu Agostino – 264 casa e corte
Bottero Giacomo Antonio fu Sebastiano – 270, 274 casa e corte
Feraudo eredi Giuseppe - 269, 272 casa e corte
Foresto Emanuele fu Michelangelo – 271 casa e corte
Grande Giovanni (Avigliana) – 266 casa

Ostorero eredi Giuseppe - 2 forno
Foresto Emanuele fu Michele Angelo – 9 casa e corte
Udritto Michele, Antonio, Giovanni, Giacomo e Marianna fu Giuseppe – 6, 7, 263 casa
Bertinetto Gioachino fu Felice – 13 casa e corte
Ostorero Teresa fu Domenico – 14, 24 casa
Maynardi - 16 casa
Cugno Giorgio fu Bartolomeo – 19 casa
Ostorero Michele fu Felice – 42 casa
Pacchiodi Giacomo fu Giuseppe – 43 casa e corte
Bovero Giacomo Antonio fu Antonio – 44 casa e corte
Bernardi Michele fu Pompeo – 45 casa e corte

 

Mappa rabbini 1867

Mappa rabbini 1867

 

Pag 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9